lunedì 20 luglio 2015

Recensione: Freddo come il ghiaccio di Anne Stuart

Titolo: Freddo come il ghiaccio
Autore: Anne Stuart
Casa editrice: Leggereditore
Pag.: 296
Costo: 12,90













Trama
Per Genevieve Spenser, avvocatessa di Manhattan, è finalmente giunto il momento di staccare la spina dopo un anno di duro lavoro. Ma prima di partire per la Costa Rica e godersi le meritate vacanze, le resta un'ultima incombenza: un appuntamento sullo yacht del miliardario Harry Van Dorn per siglare alcuni importanti documenti. Van Dorn è un uomo complesso, schivo, che sotto la scorza del filantropo nasconde un animo disturbato e violento. Genevieve non avrebbe mai pensato che un semplice appuntamento di lavoro potesse trasformarsi in un incubo, né che un giorno si sarebbe ritrovata ostaggio di un criminale su uno yacht dirottato.La sua vita è nelle mani di Peter Jensen, l'affascinante assistente personale di Van Dorn, un agente sotto copertura con l'incarico di porre fine al regno di terrore dell'uomo. Ora starà a lui decidere se rischiare di far saltare la missione pur di salvare la donna o lasciare che lei diventi solo un danno collaterale.


Il mio commento
La Stuart continua a essere una conferma in tutti i suoi romanzi, che siano romance-suspense, historical-romance e contemporary-romance. Ha il dono di catturarti già dalle prime pagine (ma che dico dalle prime frasi), i suoi personaggi, le sue storie intrigano, appassionano il lettore fino all'ultima pagina.



"Era assolutamente magnifico, 
con quei capelli che gli si arricciavano sulla nuca, 
gli occhi azzurro ghiaccio,
 il fisico alto, 
asciutto."





Peter Jensen, soprannominato "L'uomo del ghiaccio", letale, sicuro di se, aveva un compito da portare a termine, distruggere l'impero di Van Dorn, ma quella donna, apparsa all'improvviso, complicava i suoi piani, cosa ne avrebbe dovuto fare?

"Interessante, quella collera, inutile negarlo.
Gli faceva perdere la concentrazione...
Occhi nocciola e capelli biondi,
combinazione intrigante...
E senza dubbio lui stava pensando troppo a quella donna..."







Genevieve Spencer, avvocato presso un noto studio legale, è costretta a una sosta prima di meritarsi le tanto desiderate ferie, ma i capi erano stati irremovibili, giusto una deviazione, far firmare dei documenti e poi via...
Mai Peter e Genevieve avrebbero immaginato quanto il trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato li avrebbe uniti inesorabilmente in un avventura carica di pericoli, suspense, paura...
Van Dorn dietro la facciata da benefattore nasconde un animo perverso e nel gioco entra anche Genevieve che seppur non proprio il suo genere, la giovane si ritrova ignara, in mezzo a un rapimento...
Peter sarà capace di portare a termine il compito affidatogli dal Comitato? Una forte attrazione serpeggia tra lui e la giovane Genevieve, entrambi non riescono a fare a meno di stuzzicarsi, e quando la passione esplode...

"Doveva rallentare.
Genevieve tremava, 
pronta a esplodere, 
e lui non era ancora pronto per farla sua.
Lei sapeva troppo,
 troppo poco,
di sesso e piacere."

Ancora un nuovo romanzo ad altro tasso non erotico ma di suspense, passione, intensità delle emozioni, con Genevieve e Peter saremo catapultati in una storia dai contorni forti, intriganti. L'uomo di ghiaccio perderà l'aura che si è costruito intorno, dopo anni di duro allenamento? E Genevieve sarà finalmente capace di provare il piacere che finora nessuno è riuscito a darle?
Può sembrare solito, scontato, lo scrivere bello questo romanzo ma è la verità, è una serie questa, che intriga sempre più con i suoi personaggi e le sue storie.
La serie Ice di Anne Stuart è composta da sei libri, più un racconto breve:

#1 Black Ice - Ghiaccio nero (recensione)
#2 Cold as ice - Freddo come il ghiaccio
#3 Ice blue
#4 Ice storm
#4.5 Married to it
#5 Fire and ice
#6 On thin ice









2 commenti:

  1. perchè non ho ancora letto questa serie? Devo assolutamente rimediare

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...