lunedì 5 dicembre 2016

Trame e opinioni: La donna della cabina numero 10 di Ruth Ware

Titolo: La donna della cabina numero 10
Autore: Ruth Ware
Casa editrice: Corbaccio
Pag.: 368
Costo: 16,90
















Trama
Doveva essere la crociera perfetta. Le luci del grande Nord su uno yacht di lusso, l'Aurora Borealis, in compagnia di pochi e selezionatissimi ospiti. Un'ottima opportunità professionale per la giornalista Lo Blackwood, incaricata di sostituire il suo capo e ben felice di trovare sollievo dallo choc provocato da un tentativo di furto subito nella sua casa di Londra. Ma la crociera si trasforma ben presto in un incubo atroce... Durante la prima notte di viaggio, Lo assiste a quello che ha tutta l'aria di essere un omicidio, proprio nella cabina accanto alla sua, la numero 10. Non solo nessuno le crede, ma la ragazza che dice di aver incontrato nella stessa cabina sembra non essere mai esistita: non è a bordo, nessuno la conosce, e le tracce lasciate dalla sua misteriosa presenza svaniscono l'una dopo l'altra. Bloccata sulla barca e sempre più isolata nella sua ricerca, Lo cade in preda al terrore. Sta forse impazzendo? Oppure è intrappolata in mezzo all'oceano, unica testimone di un delitto e in balia di uno spietato assassino?

Doppia recensione


Iaia

Lo Blacklock è una giornalista di una rivista per turisti ed è stata designata a partire per una crociera di cinque giorni nel mare del Nord, per descrivere e commentare il viaggio destinato a una decina persone, ospiti del ricchissimo proprietario. L'Aurora Borealis, è una piccola nave dotata di tutti i confort e solo personaggi noti e molto abbienti potranno permettersi, in futuro, un viaggio così particolare.
La protagonista arriva al porto dopo aver subito in casa un furto mentre stava dormendo e il risveglio non è stato certo tra i migliori, avendo avuto modo di vedere il ladro mentre trafugava le sue cose ed essere stata chiusa a chiave in camera sua.
Questo è il primo trauma che Lo subisce, ma non è l'ultimo. La cabina vicino alla sua è occupata da una donna che poi scompare e avendo sentito durante la notte un urlo e un tonfo, come se fosse caduto qualcosa di pesante nel mare, decide di indagare. Ci sono una serie di avvenimenti che sconvolgono la protagonista.
Un giallo non molto curato. Il finale non ha scandagliato bene tutti i quesiti che un lettore si pone durante la lettura di questo genere di libri e ciò mi ha deluso.
Anche il finale è stato superficiale. Non posso e non voglio addentrarmi nello specifico poiché è un thriller e chi lo leggerà non deve essere influenzato da un'opinione personale.
Se la Ware vuole proseguire in questo filone, deve, secondo me, imparare a eliminare le spiegazioni inutili e concentrarsi di più sui dettagli per la soluzione del caso.

e mezzo

Dolci
Buon romanzo con atmosfere cupe che, non so bene il perché, mi hanno ricordato alcuni romanzi di Agatha Christie. Soprattutto per la scelta della Ware, di raggruppare una serie di persone in un luogo e impossibilitate a comunicare con il mondo esterno.
La protagonista, Laura “LO” Blacklock, non è male anche se, all'inizio del libro, è sempre mezzo ubriaca, forse a causa della sua insoddisfazione sentimentale e lavorativa. Mi era venuto anche il dubbio che lei potesse soffrire di disturbi mentali che mi hanno fatto mettere in discussione la sua affidabilità su ciò che vede. A causa di queste mie impressioni anche la trama mi è sembrata confusa e senza senso. 
Poi però prende un buon ritmo e si va avanti più facilmente con la lettura.
Durante tutta la storia dalle pagine affiora la tensione che avvinghia Lo, mentre cerca di capire cosa stia succedendo su quella nave. Il senso di claustrofobia che prova e la tensione vissuta dalla protagonista sono raffigurate molto bene dalla Ware.
Lo stile dell'autrice è rapido e scorrevole, non si perde in lunghe descrizioni, ma il lettore non fa fatica a immaginare l'ambientazione nordica dove si svolge il romanzo. Altra scelta azzeccata è collocare la storia su una nave da crociera, luogo in cui il panico e la paura di essere intrappolati in mezzo al nulla, può atterrire chiunque.
Nel complesso è stata una lettura veloce e coinvolgente che ho apprezzato molto, anche se non è proprio il thriller che sto cercando in questo periodo. Non sono mancati i colpi di scena, alcuni forse troppo prevedibili.


Uscite: Ebook M/M 5 dicembre

Titolo: Bloccati dalla neve
Autore: Teodora Kostova
Casa editrice: /
Pag.: 108
Costo: ....
















Trama
Sta' attento a quello che desideri... Nate è stato innamorato di Quinn, il migliore amico di suo fratello, fin da quando ne ha memoria. Quando però ha finalmente la possibilità di dimostrare a Quinn quello che prova, il suo cuore si spezza nel più inaspettato dei modi. La seconda possibilità arriva quando meno te l'aspetti... Quinn non crede nei miracoli, soprattutto a quelli di Natale. Quando decide di riconquistare Nate sa che non sarà facile. L'ultima cosa che si aspetta è che una notizia preoccupante di carattere medico, un viaggio in auto e una brutta tempesta di neve lavorino in suo favore. Alla fine, un capanno nel bosco si rivela essere non solo il rifugio di cui hanno disperatamente bisogno, ma anche il miracolo di Natale personale di Quinn. A volte, per perdonare, devi essere bloccato dalla neve... 

Trame e opinioni: L'ereditiera americana di Daisy Goodwin

Titolo: L'ereditiera americana
Autore: Daisy Goodwin
Casa editrice: Sonzogno
Pag.: 462
Costo: 19,50
















Trama
Siamo nei mitici anni Novanta del diciannovesimo secolo. Per la sera del ballo in maschera Cora Cash niente è stato lasciato al caso. Splendida, determinata e scandalosamente ricca, Cora è quanto di più simile a una principessa si possa trovare nell'alta società newyorkese. Sua madre ha architettato per lei un debutto che promette di essere il più sfavillante del decennio. Subito dopo il ballo, Cora andrà in Europa, con l'implacabile madre a farle da scorta, per procacciarsi un titolo nobiliare. L'Inghilterra pullula di aristocratici caduti in disgrazia che fanno la fila per corteggiare le ereditiere americane, senza badare all'origine a volte umile del loro patrimonio. Cora appare immediatamente meravigliosa agli occhi della società inglese. Ma l'aristocrazia è un reame pieno di regole arcane e di trappole, dove non è facile trovare chi accolga a braccia aperte una straniera facoltosa. Quando s'innamora perdutamente di un uomo che conosce appena, Cora si rende immediatamente conto di prendere ormai parte di un gioco che non capisce fino in fondo. E dovrà fare in fretta per armare il proprio candore con un pizzico di malizia, che la trasformerà dall'ereditiera ricca e viziata di un tempo in una donna dal carattere forte e risoluto.


Il mio commento 

Difficilmente resto poco entusiasta quando leggo romanzi storici, perché le eroine hanno un modo così poco consono al periodo, che il loro rapportarsi alla società del tempo, il più delle volte è imbarazzante, insolito ma divertente.
Questa volta, Cora non mi ha convinta per niente, o forse è proprio la storia in sé che non mi ha coinvolta, se in un primo momento sembra essere audace, caparbia, dall'altra si abbondana molto alle circostanze, soprattutto quando giunge in Inghilterra. Il fatto di essere una ricca ereditiera, in cerca di un titolato che ha bisogno di un matrimonio per risollevare le proprie finanze, la rende viziata e capricciosa. Sin dall'inizio quando accetta il matrimonio con Ivo, nono Duca di Wareham, non si riesce a capire se lo fa perché è innamorata o perché non vuole essere più sotto la tutela di sua madre, una donna alquanto ambiziosa.
La piacevolezza però di questo romanzo sta proprio nel modo di comportarsi di Cora, ma anche dalle ambiguità di Ivo, che il più delle volte si dimostra poco loquace a far conoscere il suo passato. 
Un romanzo che in alcuni momenti scorre velocemente, in altri rallenta, diventando noioso, non mancano colpi di scena che si percepiscono sin dall'inizio, che dirvi, un quadro ad ampio spettro perché abbraccia la storia dell'America di fine Ottocento, in sovrapposizione con un vecchio continente che cerca di reagire alla modernità cercando però di rimanere legato a un passato oramai decaduto da tempo.

venerdì 2 dicembre 2016

Uscite: Emma Books

Titolo: Sotto il segno della N
Autore: Maria Masella
Casa editrice: Emma Books
Collana: Glamour
Pag.: /
Costo: 4,99 ebook














Trama
Genova. 4 amiche, Ninna, Nadia, Novella e Neera, sono travolte da una serie di sfortunati eventi quando Ninna, la più goffa e insicura, entra in crisi per aver tradito una delle altre e tenta di farla finita. Viene soccorsa e sputa il rospo, innescando un vortice di incomprensioni, malintesi e tradimenti che non risparmierà nessuna delle quattro. Tutte si ritroveranno a guardare in faccia la propria vita e i traguardi raggiunti: Nadia tutta ricci, la maternità; Novella, la ricerca del grande amore; Neera, bella e dannata, la sua indipendenza dagli uomini ma non dalle amiche; e Ninna, la dolce Ninna che ha sempre voluto scomparire, verrà salvata da una mantella rossa. E dal caos di una Genova sempre in preda al traffico emergeranno: Claudio il sindacalista, Pietro il tassista, Simone il filosofo e Mario l’ortopedico. Più una zia stramba ma sapiente a reggere le fila, per un romanzo che scoppietta, come la penna di Maria Masella.

Trame e opinioni: La bambina fiore di Rossella Calabrò & Elena Malagoli

Titolo: La bambina-fiore
Autore: Rossella Calabrò & Elena Malagoli
Casa editrice: Emma Books
Pag.: /
Costo: 4,99 ebook
















Trama

Ilaria non parla, non si muove, non vede, non comprende. Però una carezza può farla sbocciare in un sorriso di rugiada. Il canto di un uccellino sa germogliare nel suo cuore e farsi mondo. Ilaria è affetta da grave cerebrolesione. Ilaria è la principessa del Regno Vegetale. Ilaria è una bambina-fiore, ha radici profonde e tenaci, eppure un colpo di vento può dilaniare i suoi petali, strapparla dal suo silenzioso regno e far gridare i cuori.Questo libro è la storia vera, profonda, sincera fino a diventare spiazzante, di una madre e della sua bambina-fiore. Degli anni del loro amore lento a germogliare, difficile da coltivare, ma rapido a trasformarsi in puro sgomento. In rifiuto, senso di colpa, smarrimento, in una disperazione che ha il colore del buio e l’odore del gelo.Ma il sole accarezza piano, col suo calore, la bambina-fiore e sua madre. Splende sulla loro forza e soprattutto sulla loro fragilità. Una fragilità preziosa e fertile. Perché forse è proprio da lì che occorre ricominciare a seminare. E il miglior nutrimento è il sorriso.[LE AUTRICI] [Elena Malagoli] Laureata in Filosofia e diplomata in Counseling a indirizzo sistemico, vive e lavora a Milano come responsabile di comunicazione aziendale, responsabile di progetti di comunità per l’housing sociale e counselor sistemico-filosofico. È madre e care-giver di Ilaria, una bambina di nove anni in stato di grave disabilità. [Rossella Calabrò] Scrittrice e da sempre interprete del mondo femminile, si divide tra testi dal taglio ironico e memoir che, seppur con levità, affrontano argomenti impegnativi. Ha pubblicato una decina di libri, da Di matrigna ce n’è una sola (Sonzogno), dove per la prima volta in Italia è stato messo nero su bianco il tema delle seconde mogli, alla trilogia sarcastica delle Cinquanta sbavature di Gigio (Sperling & Kupfer), fino a Farfalle sullo stomaco (Emma Books) che narra il tema della bulimia e dei disturbi del comportamento alimentare. Ha un blog per “Vanity Fair”, uno di recensioni di libri che si chiama “Colibrì”, scrive per “Glamour” e per “Confidenze” nella rubrica delle Storie Vere raccogliendo le testimonianze di vita di molte donne. Insegna scrittura creativa al corso “Parole Danzanti”.

e mezzo

Il commento di Dolci

...che bello un mondo dove le cose un po’ strane non esistono. 
Un mondo dove vale tutto, basta che non faccia male a nessuno.

Leggere questo libro non è stato facile. Poche pagine, ma molto emozionanti, soprattutto perché si tratta di una storia vera.
Scritta a quattro mani da Elena Malagoli che racconta la sua vita di mamma di una bambina cerebrolesa e da Rossella Calabrò che dà voce a Ilaria, la bambina pasticciata.
La storia mi ha colpita davvero moltissimo e mi ha portato a riflettere su tante cose. Conoscere le difficoltà che comporta allevare una bambina come Ilaria, le potevo solo immaginare. E forse neanche così  bene. Personalmente, conosco una famiglia che convive con una figlia come la bimba-fiore e confesso di non essermi mai soffermata troppo nel chiedermi quale fosse la loro quotidianità.
Quello che ho apprezzato tanto in Elena è la sua forza. Non ha paura di ammettere di avere paura, di essere stanca di una vita di sacrifici e di non avere sempre il coraggio per andare avanti.

Siamo rimaste insieme, una strana coppia di diverse, io e lei, lì, sole, in silenzio sul divano, in contatto tramite un piedino premuto sulla coscia. 
Una madre disperata e arrabbiata e muta, 
una madre-pesce e una bimba-geranio.


Le parole con cui Rossella Calabrò usa per mostrarci i pensieri di Ilaria, bimba dolce e saggia, sono meravigliose. Questa autrice ha il dono di saper descrivere emozioni e situazioni non semplici, con infinità delicatezza e umanità.

L’amore è fatto di questo. Nient’altro che di questo. 
Di due sorrisi che si abbracciano, 
e di un cappello di paglia che vola via, lontano nel cielo.


Un libro che ho trovato davvero stupendo e che mi ha lasciato piena di commozione e mi ha fatto pensare spesso a come io mi pongo di fronte a bambini come Ilaria. Spero di avere uno sguardo-carezza verso di loro.

Con gioia, con commozione, con infinito rispetto, cercando di portare, insieme alla verità più cruda, qualche lembo di poesia. 
E anche un buon numero di sorrisi, da tenere in tasca per i momenti più difficili, al posto dei fazzoletti. 
Perché un sorriso asciuga le lacrime molto meglio e non si stropiccia mai.

Uscite: Sereture Edizioni

Titolo: Troll Hub
Autore: Davide Del Vasto
Casa editrice: Sereture Edizioni
Data di uscita 12 novembre 2016
Prezzo ebook: 1,49 euro















Trama
Anno 2396 d.C.
La terra è stata abbandonata per più di due secoli affinché si auto rigenerasse dopo la devastazione causata dall’uomo. Asia43lizar è una ragazza come tante che affollano le centinaia di scuole-astronavi nel ventiquattresimo secolo, ma la sua normale esistenza è destinata a mutare quando il suo profilo viene scelto fra quello di milioni di persone per la missione più importante dell’umanità: rientrare sulla Terra. È lei la futura Eva che, insieme a Peter, è destinata a riportare il genere umano al suo luogo d’origine.
Arrivata sul pianeta, Peter la invita a leggere una storia che parla di Troll Hub, un prodotto della Neuroview che un tempo permetteva agli utenti di collegarsi mentalmente fra loro. Il sistema era fragile e, dopo poco tempo dal suo esordio, Troll Hub era stato ritirato dal commercio per gravi conseguenze sociali e psicologiche, rimanendo in vita solo grazie a pochi affezionati.
Ma quello che Asia43lizar sta leggendo non è solo un romanzo, e le implicazioni di Troll Hub sull’esistenza dell’uomo, e non solo, sono inimmaginabili…

ENTRA IN TRULL HUB!


Dalla voce dell’autore
Sono felice di presentarvi Troll Hub.
Il titolo descrive già il sapore surreale che attraversa l’intera opera. Quasi due anni di lavoro, fra la stesura del romanzo e la realizzazione della colonna sonora. Ora si parte, il futuro è già arrivato, accendete la consolle. Lui vi sta aspettando, Lui vi invita ad ascoltarlo perché possiate dargli delle risposte. Solo così potrete impazzire, sarete felici di volare e di strisciare nella vostra mente. Potrei però invitarvi a rinunciare, le cose belle fanno male, si sa…
Il bene e il male. Quale l’uno e l’altro? A volte ci facciamo prendere così tanto dalle nostre idee da non riuscire più a dominarle. Diventano arroganti e si sostituiscono a noi stessi. Ci convincono di essere meno importanti della nostra realtà. Ma quale realtà appartiene a chi non sa dire ‘basta’? Quale realtà viviamo oggi, figli e generatori di guerre più o meno consapevoli delle conseguenze future? Sono certo che leggendo Troll Hub rivedrete un po’ la vostra storia: un insieme di emozioni e di contraddizioni, mentre il tempo passa, sempre e comunque.
Buona lettura.

Titolo: Non tutta la jella vien per nuocere
Autore: Mariangela Garofano
Casa editrice: Sereture Edizioni
Costo: 1,49 ebook
















Trama
La londinese Eve Marshall sta vivendo un momento infelice: il fidanzato l’ha lasciata a pochi mesi dalle nozze, ha perso il lavoro ed ha perfino trascorso una notte in carcere per essersi difesa dalle molestie di un uomo. Ma la sfortuna, a volte, si accanisce solo per farci capire che è tempo di dare una svolta alla nostra vita, ed Eve accetta la sfida. Vola a San Diego, pensando di trattenersi solo per una settimana, ma le cose seguiranno un corso impensato. Eve trova un nuovo lavoro e, fra straordinarie feste sulla spiaggia e ragazzi affascinanti, ci saranno altre sorprese, qualche colpo di scena e altre ricadute di sfortuna. Ma, se la jella non è rimasta a Londra, Eve saprà prendersi le sue rivincite. Sempre.
Una storia spiritosa e spumeggiante, da divorare in un pomeriggio… magari sorseggiando un cocktail – immancabile, nelle mani della nostra Eve!

Uscite: Amazon Publishing

Titolo: I pirati del lago
Autore: Mariangela Camocardi
Casa editrice: Amazon Publishing
Pag.: 330
Costo: 4,99 ebook, 9,99 cartaceo, 0,00 kindle unlimated















Trama
Milano, 1412. Cristiana è giovane, bella, sola e circondata da nemici, finché non incontra gli splendidi occhi azzurri del capitano di ventura Fabrizio. Lo fa quando tutto sembra perduto: il padre Jacopo è morto, il fratello Mattia è lontano e la madre Ippolita è succube del nuovo marito, Arrigo, che l’ha sposata solo per la sua ricchezza e sta cercando, aiutato dalla figlia Clarice, un modo per impadronirsi definitivamente delle fortune della famiglia.
Nel momento in cui Ippolita viene uccisa e la colpa ricade su Cristiana, il piano diabolico dei due sembra avere successo. È però solo l’inizio di una vicenda che ci trascinerà nel cuore della Milano dei Visconti, fra intrighi, congiure, tradimenti, ma anche amori inaspettati e bruciante desiderio. Perché ci sono incontri che non si possono evitare, e quello con Fabrizio sembra scritto nel destino: il suo è uno sguardo che scalda, rassicura, fa battere forte il cuore di Cristiana. Basterà – quello sguardo – a placare la sua sete di giustizia e di amore?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...