martedì 30 giugno 2015

Trame e opinioni: Quattro secondi per perderti di K.A. Tucker

Titolo: Quattro secondi per perderti
Autore: K.A. Tucker
Casa editrice: Newton Compton
Pag.: 384
Costo: 9,90














Trama
Cain ha ventinove anni e gestisce il suo strip club, l’unico locale in città in cui non gira droga e le ragazze non si prostituiscono. Lui cerca anzi di proteggerle come può, senza tuttavia farsi mai coinvolgere personalmente. La regola numero uno per Cain è tenere gli affari di cuore, e di letto, fuori dal Penny’s. Ma quando la bionda Charlie Rourke entra nel suo ufficio per un colloquio di lavoro, le cose si complicano… La giovane Charlie è fatalmente attratta dal suo capo tenebroso, anche se qualcosa di molto più grande di lei richiede la sua attenzione e non c’è tempo per le storie d’amore: travestimenti, appuntamenti segreti, viscidi trafficanti di droga e un passato avvolto nel mistero sono il pane quotidiano della bella spogliarellista.
Un incontro ravvicinato bollente e inatteso cambia le cose per tutti e due, ormai travolti dalla passione. Ed è proprio per proteggere il suo grande amore che Charlie dovrà fuggire lontano, lontano da lui…


Il commento di Manuela
Il terzo appuntamento con i personaggi della Tucker non ha affatto deluso le mie aspettative.
Questa volta il protagonista della storia è Cain, il proprietario del locale Penny’s, dove ha lavorato per qualche tempo Kacey (la protagonista del primo romanzo Dieci piccoli respiri). Un capo un po’ anomalo perché pur gestendo uno strip-club fa di tutto affinché le sue ragazze non si prostituiscano, non si droghino e soprattutto che trovino il modo per lasciare al più presto il suo locale per lavori più dignitosi. Tutto questo è per lui una “missione”, perché vuole espiare il suo passato e colpe non sue che però si attribuisce e delle quali si vergogna.
La protagonista femminile è una ragazza in fuga da un padre che la sfrutta. 
Capita al Penny’s per caso o perché condotta lì dal destino... ad ogni modo anche lei ha un pesante fardello sulle spalle del quale si vergogna e del quale vuole liberarsi. Fa di tutto per liberarsi del marcio che la circonda, anche se è costretta ad ingoiare molti rospi prima di poter spezzare le catene che la tengono legata, serrata, al padre padrone. 
Eppure questa ragazzina troverà la forza, ma ad un caro prezzo...
Ammetto che all’inizio non avevo molta simpatia per Charlie (come si fa chiamare per tutto il romanzo anche se questo chiaramente non è il suo nome), perché è una ragazza che vive nella menzogna. È vero che per tutto il racconto è ben messo in evidenza quanto lei sia costretta a mentire, ma non so perché non sono riuscita a digerire il fatto che pur vedendo quanto Cain l’amasse e si aprisse a lei, lei continuasse a mentire, poi però... 
Il romanzo è raccontato in prima persona però a due mani, cioè con i due punti di vista quello di Cain e quello di Charlie. Si parte con l’antefatto che ci fa conoscere meglio la storia di Cain. Da qui prende l’avvio il racconto degli avvenimenti che vanno ad inserirsi tra quelli di Dieci piccoli respiri e Una piccola bugia. Non ci sono molti richiami ai due romanzi precedenti, ma quel poco che basta per farti inquadrare meglio gli avvenimenti e farti capire come collocare gli eventi. Ciononostante il romanzo può essere letto da solo, perché i personaggi vengono di nuovo presentati e delineati in tutti gli aspetti. Per chi già li conosce è come ritrovare vecchi amici, chi invece non li conosce può imparare ad apprezzarli.
Come sempre lo stile è piacevole e scorrevole. Le descrizioni ti catturano. Questa volta la Tucker è stata anche capace di creare il giusto grado di tensione e la trama del giallo si è legata benissimo con il rosa della storia d’amore. Io amo molto il genere poliziesco e devo dire che lei è riuscita ad inserire elementi tali da catturare l'attenzione. Ti senti anche tu un po’ investigatore, ma allo stesso tempo non perdi di vista la dolce storia d’amore dei protagonisti.
Ora, sinceramente spero ci sia un quarto e un quinto libro perché in questo romanzo due personaggi sono spiccati di più tra quelli secondari e sono Ginger e Storm... quindi mi auguro che l'autrice ci faccia sognare anche con loro.

La serie chiamata in America Ten tiny breath, Dieci piccoli respiri in Italia, è al momento costituita da quattro romanzi più un racconto su Trent
#1 Ten tiny breath - Dieci piccoli respiri-Recensione
#0,5 In her wake  inedito in Italia
#2 One tiny lie - Una piccola bugia-Recensione
#3 Four seconds to lose - Quattro secondi per perderti
#4 Five ways to fall  inedito in Italia

4 commenti:

  1. va bene, va bene corro a leggerlo!

    RispondiElimina
  2. Brava, corri a leggerlo, perché merita proprio.... Buona lettura ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao Floriana .... girellando per il web ho trovato il tuo bel blog. Complimenti !
    Ora sono tua lettrice fissa. Spero che tu voglia venire a dare una occhiata da me al Rifugio degli Elfi http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/ per curiosare e spero per rendere il follow-back. Un saluto buon pomeriggio, buona continuazione di settimana e migliore mese di luglio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao grazie per esserti unita al blog!
      Passo dal tuo immediatamente

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...