venerdì 11 dicembre 2015

Recensione: Le ragioni del cuore di Maria Masella

Titolo: Le ragioni del cuore
Autore: Maria Masella
Casa editrice: Leggereditore
Pag.: 269
Costo: 12,90














Trama
"1863. Era sera, una limpida e fredda sera di novembre. Ma l'uomo sembrava non accorgersi della tramontana che, preso d'infilata il vicolo - il carrugiu, come lo chiamavano a Genova -, sembrava un muro compatto contro i nuovi arrivati. La lunga giacca da marinaio sbottonata sulla camicia senza colletto non era la tenuta più adatta per una giornata simile, ma lui sembrava non accorgersene. Camminava veloce, incurante delle occhiate delle donne, con la sua sacca buttata di traverso sulla spalla."
L'uomo solitario che si addentra tra i caruggi è Bruno Damiani, condannato in contumacia, tornato clandestinamente in Italia per scovare l'assassino di una giovane donna a lui molto cara. Fingendosi un semplice operaio, troverà lavoro in un cantiere navale della Riviera di Levante, dove rimarrà folgorato da Nora, la nipote del vecchio proprietario. I due giovani saranno travolti dall'amore, ma nubi oscure s'innalzano all'orizzonte, e graveranno sulla loro relazione...

e mezzo

Il mio commento
E' sempre un piacere leggere romanzi historical-romance con ambientazione italiana. Quando poi la scrittrice è Maria Masella, beh allora...
In tutta onestà ho spesso sentito parlare di questa autrice, con notevoli complimenti, però purtroppo non ho mai letto nulla, ma sono felice di condividere il parere di molte lettrici e blogger che come me ora possono dire di aver letto un romanzo di Maria Masella.
Detto questo, passo direttamente al romanzo Le ragioni del cuore, non è un inedito, scritto e pubblicato nel 2002, è ora giunto nelle mani di Leggereditore che ha deciso di riproporlo con una veste nuova. 
In una Italia ancora frammentaria, divisa in stati e staterelli, dove l'animo umano sofferente alla situazione cerca di reagire, due giovani protagonisti vivono una storia d'amore importante, attraversando pericoli e timori, paure e incomprensioni.
Bruno Damiani è un uomo con un passato difficile da nascondere, ma arriva il momento in cui i demoni dei ricordi ritornano, e vanno placati. Costretto a un lungo esilio, decide che è giunto il momento di tornare a casa, sotto falso nome, per cercare e vendicare una persona a lui molto cara. 


Aveva un bel corpo, muscoli lunghi e potenti...
Alto, prestante, abituato all'azione...

Cupo, chiuso, sofferente, il primo incontro con Nora non è certo dei migliori, ma agli occhi della giovane donna è diverso.
Nora, fresca, gentile, vivace, testarda è l'esatto opposto di sua cugina Floriana, bella, elegante e con un portamento da gran dama, tutte cose ostiche per lei, che invece ama cavalcare, seguire suo nonno ai cantieri, un uomo in gonnella, praticamente. Innamorata più dell'idea di piacere a Stefano Ballardi, scopre di non essere la prescelta, non ancora adatta a un uomo come lui, a un conte.
L'incontro/scontro con l'uomo a cavallo sarà l'input per guardare oltre quel giovane sentimento pronto a sfiorire ancor prima di nascere. 
E' un attimo e tra Nora e Bruno scatta qualcosa...

Bruno aprì gli occhi e in quel momento non ricordava neppure dove fosse.
I sogni erano ancora lì, talmente reali da confonderlo.
Un riverbero di luce di lontana accennava un viso di donna chino su di lui.
Le labbra semiaperte in un sorriso e gli occhi profondi.
Lei.
Il nome... Il nome, una volta l'aveva sentito:Nora.

L'incontro è sin dal primo momento carico di aspettative, premesse di un domani a loro ancora celato. Ma i segreti dell'uomo sono troppi e profondi e hanno bisogno di tempo perché vengano a galla.
Le ragioni del cuore è un romanzo che si lascia leggere dolcemente, perché dolce e impetuoso è l'amore che sboccia tra i due protagonisti, la fiducia, la fedeltà, la perseveranza sono parte integrante del romanzo, le descrizioni degli ambienti e il preciso racconto dei cantieri navali, del lavoro manuale, hanno reso il romanzo piacevole, mentre la storia tra Nora e Damiano è stata narrata in modo delizioso, e attraverso un turbinio di sensazioni, di emozioni entrambi hanno espresso il loro amore.


Un bacio, uno solo, da portarsi via nella fuga e nell'esilio!
Bruno gustò le sue labbra e accarezzò l'interno delle sua bocca così dolce e lasciò che lei facesse altrettanto.

Quella donna voleva farlo impazzire.
La baciò ancora una volta quasi con violenza,
e lei lo assecondò come se non desiderasse altro.

4 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie a te per la piacevole lettura

      Elimina
  2. *_*
    che belle parole Flo!! Se prima ero impaziente di leggerlo, immagina adesso!! XD
    xoxo

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...